BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Immagine
Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi presenti e....chissà, forse collaborando oggi, collaboreranno insieme nel futuro.
Ma di questo non ci preoccupiamo, sappiamo che tutto si gioca nell'oggi, perchè è ciò che oggi decidiamo che darà l'impronta al nostro futuro.
Discutiamo di tanti aspetti della vita, alcuni condivisi, altri meno, ma che importa....se non ci fosse un po' di pepe non saremmo reali, ed invece mi piace pensare che siamo persone e non solo nik non meglio identificati.
E' il mondo dei sentimenti, quelli più autentici. Questo blog rappresenta un sentiero, una Via che da tanto tempo percorro, il più delle volte da sola, altre con amici carissimi che il Buon Padre ha posto al mio fianco.
Gli argomenti affrontati sono molteplici, così come molteplici sono le strade che percorriamo ogni giorno. A volte sbagliamo il percorso, ma l'importante è avere …

Archivia

Mostra di più

DA COSA DIPENDE LA FELICITA'? di Gabry Fogli








Oscar Wilde 

Buonasera cari compagni di viaggio sulle strade della vita. Oggi ho letto, anzi, riletto, questo famosissimo aforisma che, in poche parole, riassume una grande verità.

Si parla spesso di felicità, di trovare la felicità e, sovente, proviamo un senso strisciante di insoddisfazione.
Ed è strisciante perchè si muove e si insinua proprio come un serpente dentro il nostro cuore, nella nostra anima. Sentiamo che ci manca sempre qualcosa per essere felici.
Condizioniamo la nostra felicità al possedere degli oggetti, sapendo benissimo che nel momento in cui li "possederemo" la soddisfazione dura poco e il nostro interesse viene subito spostato su un nuovo idolo da possedere. 
Avete presente le code mostruose che si formano al lancio di un nuovo telefonino o di una consolle per videogiochi dove  paghiamo un prezzo esorbitante pur sapendo che, tempo sei mesi, quel modello sarà svalutato ed obsoleto?
Cosa ci spinge a ore di coda, a bivaccare in un sacco a pelo sul marciapiede per essere tra i primi ad accaparrarci l'oggetto del desiderio?
Onestamente non  lo so perchè non faccio parte di quelle schiere di persone, ma la domanda me la pongo.
A cosa è legata la mia felicità? 
Da cosa dipende?
La mia felicità non dipende da ciò che desidero, ma da ciò che ho. E ho un mare di affetti, di interessi, ho dei nipotini che mi rendono felice quando gridano come aquile e saltano sul divano.
Ho un marito che mi ama e mi desidera come se fossimo appena sposati e con cui ci scambiamo tenerezze continuamente. Dei figli che adoriamo e che abbiamo cercato e voluto, e sono fonte di benedizioni.
Ho una malattia degenerativa con cui ho stabilito un rapporto, a volte conflittuale, ma, in genere di pace interiore. E se il dolore si attenua sono felice.
Mi sento immensamente ricca di amore, attenzioni, a volte discussioni, ma che bello poi fare pace...
Quale prestigioso telefono può donarmi questo? Attenzione, la mia non vuole essere una critica o una condanna, nulla di simile. Semplicemente metto al primo posto gli affetti perchè sono loro che mi rendono felice e da cui dipende la mia serenità. Il telefonino me lo regalano, ma non lo espongo come un trofeo o un simbolo sociale. E' un apparecchio utile, che svolge delle funzioni che mi servono, ma nulla di più.
Ciò che conta veramente è costruirsi una rete di affetti, di amicizie che concorreranno alla nostra felicità.
A me lo ha insegnato la malattia, grande maestra, che ha sconvolto tutto il nostro mondo facendo emergere aspetti che, forse, non avremmo mai imparato ad apprezzare.
Dal male è nato un gran bene.
Ho imparato che ho già tutto ciò che mi serve per essere felice.
E non è poco.

Gabry Fogli

post scorrevoli