BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi ...

lunedì 22 settembre 2014

COME DISTINGUERE IL BENE DAL MALE?





Come distinguere il bene dal male? Scarica e leggi subito le parole di saggezza della poesia Se di Kipling (Photo credit: Rudyard Kipling Remixed: Giuseppe Franco). La poesia “Se” di Rudyard Kipling, scrittore e poeta britannico (1865-1936), è una fonte di ispirazione e motivazione. Una vera e propria guida del buon vivere e una lezione di saggezza da ripetere ogni giorno. Nelle prossime righe potrai leggere la poesia, stamparla e condividerla con chi ti sta più a cuore.

Poesia Se

Kipling scrive, nel 1910, una lettera al figlio per insegnargli “come diventare uomini” e imparare a distinguere il bene dal male. Una poesia destinata a lasciare il segno nella letteratura del 900 ed una dimostrazione delle capacità della nostra mente per affrontare meglio la vita:
Se riesci a conservare il controllo
quando tutti intorno a te lo perdono e te ne danno la colpa.
Se puoi avere fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te,
ma prendi in considerazione anche i loro dubbi.
Se sai aspettare senza stancarti dell’attesa,
o essendo calunniato, non ricambiare con calunnie,
o essendo odiato, non dare spazio all’odio,
senza tuttavia sembrare troppo buono, né parlare troppo saggio.
Se puoi sognare, senza fare dei sogni i tuoi padroni;
Se puoi pensare, senza fare dei pensieri il tuo scopo.
Se sai incontrarti con il Successo e la Sconfitta
e trattare questi due impostori allo stesso modo.
Se riesci a sopportare di sentire la verità che hai detto,
distorta da imbroglioni che ne fanno una trappola per gli ingenui,
o guardare le cose per le quali hai dato la vita, distrutte,
e piegarti a ricostruirle con strumenti usurati.
Se puoi fare un solo mucchio di tutte le tue fortune
e rischiarlo in un unico lancio di una monetina,
e perdere, e ricominciare daccapo
s enza mai fiatare una parola sulla tua perdita.
Se sai costringere il tuo cuore, nervi, e polsi
A sorreggerti anche quando sono esausti,
E così resistere quando in te non c’è più nulla
Tranne la Volontà che dice loro: “Resistete!”
Se riesci a parlare alle folle e conservare la tua virtù,
o passeggiare con i Re, senza perdere il contatto con la gente comune.
Se non possono ferirti né i nemici né gli amici affettuosi;
Se per te ogni persona conta, ma nessuno troppo.
Se riesci a riempire ogni inesorabile minuto,
dando valore a ognuno dei sessanta secondi,
tua è la Terra e tutto ciò che contiene,
E — cosa più importante — sarai un Uomo, figlio mio!

http://www.motivazionepersonale.com/se-di-kipling-poesia-motivazionale/

post scorrevoli