LA COSA PIU' IMPORTANTE DA FARE DI ROY EUGENE DAVIS



Immagine reperita nel web


(Tradotto da Furio Sclano)

______________________

Il nostro soggiorno in questo mondo è per una ragione più importante
che non soddisfare semplicemente desideri e bisogni ordinari. Il vero
scopo per il quale siamo qui è di imparare ad utilizzare saggiamente e
abilmente le nostre abilità funzionali, mentre ci dirigiamo attraverso
gli stadi di crescita spirituale verso la realizzazione del Sé e di
Dio. A cosa pensi quando ti svegli ogni giorno? Pensi abitualmente ai
tuoi doveri personali oppure le prime cose cui pensi sono Dio e la tua
relazione con lui? Durante il giorno, mentre sei occupato nelle tue
faccende, com’è la tua attenzione? Diretta verso l’esterno e
frammentata, oppure sei consapevole del tuo Sé e della tua relazione
con Dio? Pensare che i nostri bisogni materiali e spirituali siano
separati è un errore. La realtà onnipresente che pervade ogni cosa con
la quale relazionarsi, si esprime in (e in quanto) tutti gli aspetti
dell’universo. In qualità di unità individualizzate di Dio, dimoriamo
in lui nello stesso modo in cui le gocce d’acqua fanno parte
dell’oceano. Il soddisfacimento dei nostri bisogni e dei desideri di
valore migliora il nostro senso di benessere generale e contribuisce a
chiarire ed espandere la nostra consapevolezza. Non ti senti più
felice ed energico, ottimista, sicuro e spiritualmente consapevole
quando i tuoi bisogni sono facilmente soddisfatti e riesci a
raggiungere obiettivi importanti? Il senso forte di vitalità e
benessere, che si manifesta spontaneamente in quelle occasioni, è la
prova del fatto che devi prosperare in tutti gli aspetti della vita.
Alcuni studenti della verità commettono l’errore di pensare che il
percorso spirituale debba essere privo di felicità personale e
completamento. Essi pensano inoltre che negarsi le esperienze che
migliorano la vita, attrarrà in qualche modo il favore di Dio o che
permetterà loro di raggiungere più facilmente l’obiettivo
dell’illuminazione spirituale. Benché non si debba attaccarsi
tenacemente a piaceri, cose o relazioni, si deve in ogni caso imparare
a vivere in questo mondo in maniera efficace e godibile.

Fai queste cose di carattere pratico:

Ricorda che la tua mente è una parte della mente universale. Coltiva
un atteggiamento ottimista, pensa in modo costruttivo e sii
ricettivo/a alla buona fortuna che la mente universale può manifestare
(e manifesterà) nella tua vita.
Migliora le tue capacità intellettuali in modo da discernere la verità
su ciò che osservi.

Utilizza il potere dell’immaginazione creativa per “vedere” tutta la
buona fortuna che meriti, inclusa una rapida crescita spirituale,
culminante nella liberazione della coscienza.

Migliora e utilizza saggiamente le tue abilità funzionali in modo da
poterti relazionare appropriatamente agli altri e raggiungere
facilmente i tuoi scopi.

Acquisisci la conoscenza di cui hai bisogno per raggiungere gli
obiettivi di valore e utilizzala.

Acquisisci la conoscenza delle realtà più elevate che ti permetterà di
comprendere che cosa è Dio e che cosa sono le leggi universali e
impersonali di causa ed effetto che determinano le tue esperienze.

Inserisci il benessere spirituale in cima alla lista delle priorità

Scrivi una lista delle cose più importanti che devi fare. Inizia
scegliendo il benessere spirituale, dopodiché scegli cos’altro è – o
sarà – necessario da fare per te. Prima di scrivere, siedi per un po’
in silenzio, quindi pensa a ciò che devi scrivere. Lascia che i
pensieri sorgano dall’essenza del tuo essere. Di tanto in tanto,
rivedi la lista delle priorità, mantenendo il benessere spirituale al
primo posto. Fai i cambiamenti necessari che ti sembrano utili quando
le tue priorità cambiano, quando hai nuove intuizioni o prendi delle
nuove decisioni.

Scegli le priorità:

Scrivi che cosa è più importante per te

1) Nutrire la mia consapevolezza spirituale

2) __________________________

3) __________________________

4) __________________________

5) __________________________

6) __________________________

7) __________________________

8) __________________________

9) __________________________

Chiavi principali per vivere in modo efficace e raggiungere la
realizzazione del Sé e di Dio

Per vivere efficacemente e raggiungere la realizzazione del Sé e di Dio:

Sii vigile e attento. Centrato nella consapevolezza del Sé, osservati
in relazione ai tuoi pensieri e all’ambiente che ti circonda. Fallo
con spassionata obiettività (senza essere influenzato/a dalle
emozioni). Pensa e comportati in modo razionale.
Dirigi l’attenzione verso le cose importanti. Pensa e agisci con
intenzionalità cosciente. Le capacità migliorate di concentrazione che
si sviluppano grazie al vivere in maniera attenta ti permetteranno di
meditare meglio. Mantenendo la consapevolezza nelle regioni frontale e
alta del cervello durante la meditazione, acquisirai capacità migliori
di concentrazione, di volontà e di creatività. Tutte queste cose ti
permetteranno di vivere in modo più efficace.
Controlla stati di consapevolezza, stati mentali, emozioni e
comportamenti. Non pensare (o dire) mai di non poterlo fare. Ricorda
di essere una creatura spirituale con abilità eccezionali. Utilizzale
saggiamente.

Fare queste cose sarà naturale quando sarai spiritualmente
risvegliato. Un modo semplice per mantenere chiara la consapevolezza e
avere un atteggiamento ottimista quando non mediti, è di focalizzare
la consapevolezza nei chakra superiori nella spina dorsale e nel
cervello. Così facendo, le tue forze sottili fluiranno verso l’alto e
sperimenterai più facilmente stati chiari di coscienza. Quando
l’attenzione è facilmente distratta, solitamente prevalgono emozioni
disturbate, comportamenti senza scopo e confusione mentale. Al
contrario, quando la consapevolezza del Sé e di Dio è costante, i
pensieri saranno ordinati e razionali, sarai in pace e i comportamenti
saranno determinati e di supporto.

Fluisci con grazia attraverso gli stadi della vita

Il vivere con grazia è caratterizzato da un flusso senza sforzo di
azioni appropriate (abilmente compiute) che migliorano le nostre vite,
quelle degli altri e permettono alle nostre qualità divine di emergere
progressivamente. Fintanto che dimori in questa dimensione o in
qualsiasi altra, ci saranno sempre conoscenze da acquisire, cose da
apprendere e nuove opportunità per relazionarti creativamente ed
efficacemente agli eventi e alle circostanze che si manifestano. Sappi
di essere una creatura immortale, dopodiché pensa e agisci di
conseguenza, invece di pensare e agire come se fossi limitato alla tua
attuale incarnazione della durata di pochi decenni. Indipendentemente
dal fatto che tu sia giovane, adulto o anziano, sii risoluto ad
applicare in pratica le tue qualità divine, adesso che hai
l’opportunità di farlo. Non è mai troppo presto o tardi per sforzarsi
di essere tutto ciò che puoi. Se sei ancora giovane, non sprecare
tempo ed energie in sforzi inutili. Se sei più avanti negli anni,
evita di pensare di non avere abbastanza tempo rimasto in
quest’incarnazione per essere spiritualmente illuminato.
Indipendentemente dalla tua età fisica e dalle circostanze esistenti
nella tua vita, puoi scegliere adesso di accantonare tutte le credenze
errate e di innalzarti immediatamente sopra i condizionamenti
limitanti che in precedenza ti ostacolavano. Per fare ciò è
sufficiente assumere un punto di vista che ti permetta di riconoscere
e accettare facilmente la verità su te stesso, in quanto essere
spirituale perfetto e unità individualizzata della Realtà suprema,
comunemente denominata “Dio”. Quando lo avrai fatto, non penserai più
a te stesso come ad una mera creatura mortale e non sentirai (o
crederai) che Dio sia qualcosa di differente da ciò che è.

Quando, attraverso la pratica, sarai stabile nella realizzazione del
Sé e di Dio, anche se dovrai ancora compiere i tuoi doveri e dovrai
essere responsabile per le tue circostanze, sarai in grado di fare
facilmente ciò che è necessario e la tua coscienza illuminata
contribuirà al benessere spirituale di tutti, in questa dimensione e
nelle altre.

Sperimenta la presenza di Dio nel silenzio della meditazione e mentre
sei impegnato in relazioni e attività

Quando la mente è calma durante la meditazione, il puro Sé e la
consapevolezza di Dio ti ancoreranno sempre più saldamente
all’infinito. Quando sei coinvolto in attività e relazioni utili, non
devi diminuire la consapevolezza del Sé e di Dio. Quando hai questi
impegni, mentre pensi, agisci e ti relazioni agli altri, sii
consapevole del Sé e di Dio nel punto più profondo del tuo essere. Non
fare nulla per attirare l’attenzione su te stesso o per impressionare
gli altri con la tua devozione a Dio. Non far finta di provare pietà.
“Vedi” il prossimo tanto divino quanto lo sei tu e tratta tutti con
rispetto. Dimostra compassione in modo appropriato. Sii uno degli
agenti di Dio, attraverso i quali si compiono le azioni importanti.
Realtà e presenza di Dio sono pienamente presenti dentro e intorno a
te.

- Affermazione -

Riconosco con gioia la realtà, la presenza e il potere di Dio,
pienamente presenti ora e adesso nel punto in cui mi trovo.

Traduzione a cura di Furio Sclano, priva di copyright