DEDICATO A TE, SI, PROPRIO A TE CHE LEGGI...





Buonasera caro amico, scusa se mi rivolgo a te con questa confidenza, ma non è mancanza di rispetto, tutt'altro...che sia la prima volta che capiti su queste pagine o che mi segui da tempo, stiamo percorrendo un pezzo di strada insieme, e non per caso, ma perchè così ha deciso l'Universo, almeno questo credo fermamente. E se sei qui prendiamoci per mano, anche se virtualmente, e cerchiamo di affrontare ciò che la Vita ha deciso per noi e sempre per il nostro massimo bene.
Te lo dice una persona malata, che ha passato l'inizio della settimana in ospedale, in pneumologia, una persona che avrebbe tanti motivi per essere arrabbiata con la Vita, eppure non è così perchè ho avuto la possibilità di conoscere due diversi modi di vivere, da sana e da malata, e quello che sto imparando ora non avrei potuto conoscerlo nella mia vita precedente.
Eppure era una vita piena, coinvolgente, fatta di ricerche, di scavi archeologici, di studi, di libri, tanti, tantissimi, e di tanti giri per le colline e le montagne piemontesi alla ricerca di tracce dei Cavalieri Templari nella nostra regione. Non mi hanno fermata ragni, topi, serpenti, rovi e spine e tante zanzare e questa è stata una parte importantissima della mia vita.

Poi è subentrata una malattia che mai avevo sentito nominare, autoimmune e di origine genetica e tutto quello che prima cercavo fuori di me si è trasformato in un percorso all'interno della mia coscienza.
E' stato facile? No, non lo è, non lo è nemmeno adesso perchè ogni giorno devo adattarmi al progredire della malattia e con me tutta la famiglia, ma, e qui sta la grande differenza, è una prova che coinvolge tutti, i miei cari e la sottoscritta, perchè nulla rafforza o distrugge quanto il dolore.

Mon potrei sopravvivere senza l'aiuto e l'amore costante di mio marito e dei miei figli. I ragazzi hanno la loro vita, come è giusto che sia, ma sono presenti per qualsiasi problema si presenti.
Tutto il carico della casa e della mia persona è sulle spalle di mio marito che, con pazienza, è subentrato a me in tutto quello che riguarda la conduzione della casa e la cura della mia persona.

Nonostante tutto siamo felici, ci amiamo, ci rispettiamo e cerchiamo di trarre il meglio dalla situazione.
Perchè devo attraversare questo? Non lo so e, francamente, non mi importa. E' così, e tanto basta.
Certo, c'è chi sta meglio, ma c'è anche chi sta molto peggio e, nonostante tutto, sono fortunata.

Il viaggio che compiamo su questa terra è sopratutto per comprendere chi siamo, dove andiamo e qual'è il nostro compito nella vita. Solo conoscendo il dolore e la sofferenza si può aiutare chi soffre perchè parli da cuore a cuore, e quando stai male hai bisogno di qualcuno che comprenda come ti senti dentro, la sofferenza che ti strazia, a volte anche l'indifferenza del prossimo che, preso dai suoi problemi, non si accorge del dolore che hai dentro perchè oggi la società ci chiede di vivere in una eterna finzione del bello, del palestrato, del culto di cose futili ed a volte inutili.

Sono convinta che se desideriamo che cambi la società dobbiamo, per prima cosa, cambiare noi  stessi.
Tutto inizia da noi e tutto finisce con noi.

Quindi, per tornare al discorso iniziale, benvenuto fratello, benvenuta sorella.
Se ti va facciamo un po' di strada insieme tenendoci per mano.

Gabry fogli

LA FRASE DEL GIORNO

MAPPA

IL GIARDINO DEI LIBRI

Acquista su Il Giardino dei Libri

MACRO