A PROPOSITO DEI FURBI E DEI FALSI INVALIDI




Oggi è giornata di arrabbiature. Ho letto che un medico anestesista iraniano delle Molinette, qui a Torino, nel 2012 è caduto da una scala dell'ospedale e si è spezzato la spina dorsale con conseguente paralisi agli arti inferiori, a un braccio ed è diventato cieco da un occhio.
Viene risarcito con un indennizzo di 1.200.000 € e con una pensione di invalidità da 5.000€ al mese.
Già. Peccato che fosse tutto finto. Non è per niente paralizzato, i carabinieri del N.A.S. lo hanno fotografato mentre porta la spesa in casa, fa dei lavori sempre alla casa (che avrà comprato con il milione e passa di € gentilmente forniti dal nostro Stato.)
Anche io sono invalida civile al 100% però prendo 246 € al mese più l'accompagnamento.
Certo, non sono un medico e sono malata, ma se non ci fosse la pensione di mio marito come farei?
Quanti, invalidi civili al 100% vivono solo con la pensione e l'accompagnamento ?
E non hanno nessuno che si occupi di loro?
Siamo considerati dei pesi e non delle opportunità.
Non commento altro.
Ma non riesco a rassegnarmi alle ingiustizie, ai bulli del quartiere, ai palazzinari, agli omertosi, ai trafficanti, all'immoralità che diventa arroganza.
Sono nata in una epoca sbagliata, io credo ancora alla stretta di mano come impegno, al rispetto, all'umiltà, alla gentilezza, ai valori veri, all'amore sincero, all'amicizia.
Sono sbagliata? Forse per molti si, ma so che ci sono tanti che la pensano come me, e questo mi dà la forza per andare avanti.
Buon proseguimento di serata.
Gabry

MAPPA

IL GIARDINO DEI LIBRI

Acquista su Il Giardino dei Libri

MACRO

SCOPRILO SUL GIARDINO DEI LIBRI