Post in evidenza

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi ...

venerdì 13 marzo 2015

UN INNO MANICHEO

In un inno manicheo, tratto dalla raccolta Angad Rosnan, è descritta l’unio mystica tra l’anima e la Luce divina. Finalmente libera dal carcere mondano, l’anima, che era stata esiliata sulla terra, si ricongiunge all’ineffabile Scaturigine. 

In questi tempi tetri e scellerati, l’ode sprigioni qualche favilla di speranza. 



Luce
lieta e bella, 
colma di beatitudine,
pervade la mia mente. 
Mi parla
in illimitata beatitudine
il mio io sollevato
da profonda oppressione 
ed a me dice: 
“Vieni, anima, non temere!
Sono il tuo Intelletto, 
messaggio di speranza. 
Tu sei il mio corpo e la mia veste… 
Sono la tua Luce
anticamente raccolta,
l’Intelletto supremo e la speranza compiuta. [1]

[1] L’inno è riportato in G. Widengren, The great Vohu Manah, p. 17

post scorrevoli