LA RETTA VISIONE È LA CONDIZIONE PER LA FELICITÀ





Percepire significa sempre percepire “qualcosa”. Noi crediamo che l’oggetto della percezione sia al di fuori del soggetto che percepisce, ma non è vero. Quando percepiamo la luna, la luna è noi stessi. Sorrido a un amico, l’amico è anche me stesso, perché è l’oggetto della mia percezione.

Le nostre percezioni portano con sé tutti gli errori generati dalla soggettività

Quando percepiamo una montagna, la montagna è l’oggetto della nostra percezione. Quando percepiamo la luna, la luna è l’oggetto della nostra percezione. Dire: «Posso vedere la mia coscienza nel fiore» significa che nel fiore possiamo vedere la nuvola, la luce del sole, la terra e i minerali. Ma come si fa a vedere la nostra coscienza in un fiore? Il fiore è la nostra coscienza; è l’oggetto della nostra percezione. 
Percepire significa percepire qualcosa. Percezione significa il venire in essere del percipiente e del percepito. Il fiore che stiamo guardando è parte della nostra coscienza. Deve essere rimossa l’idea che la nostra coscienza sia esterna al fiore: è impossibile che ci sia un soggetto senza un oggetto. È impossibile togliere l’uno conservando l’altro.

Spesso è proprio l’idea che abbiamo della felicità a impedirci di provarla davvero

La fonte della nostra percezione, il nostro modo personale di vedere le cose, si trova nella coscienza-deposito. Se dieci persone guardano una nuvola, ne avranno dieci diverse percezioni. Che vi si veda un cane, un martello o un soprabito, dipende dalla mente dell’osservatore, dalla sua tristezza, dai suoi ricordi, dalla sua rabbia. Le nostre percezioni portano con sé tutti gli errori generati dalla soggettività, quindi noi lodiamo, biasimiamo, condanniamo o protestiamo a seconda delle nostre percezioni. Ma le percezioni sono fatte delle nostre afflizioni: brama, rabbia, ignoranza, visioni distorte e pregiudizi. Essere contenti o soffrire dipende in gran parte dalle nostre percezioni. E importante osservare in profondità le nostre percezioni e conoscerne la provenienza.

Noi abbiamo una certa idea della felicità: crediamo che solo determinate condizioni ci renderanno felici. Spesso, però, è proprio l’idea della felicità a impedirci di provarla davvero. Dobbiamo guardare in profondità le nostre percezioni per liberarcene; allora ciò che era una percezione diventa comprensione risvegliata, una realizzazione del sentiero. Questa non è né una percezione né una non-percezione: è una visione chiara delle cose così come sono.

La nostra felicità e quella di coloro che ci circondano dipendono dal nostro grado di retta visione. 

Entrare in contatto profondo con la realtà — sapere che cosa sta succedendo dentro e fuori di noi — è la via per liberarci dalla sofferenza generata dalle percezioni erronee. 
La retta visione non è un’ideologia, né un sistema, né tantomeno un cammino: è la comprensione risvegliata della realtà della vita, una comprensione viva che ci riempie di chiarezza, pace e amore.

Da: Thich Nhat Hanh, Il cuore dell’insegnamento del Buddha, Neri Pozza, 2000.
zeninthecity

MACRO

Etichette

Mostra di più

POST PIU' POPOLARI