PENSIERO DI AIVANHOV





« La linea retta è la via più breve da un punto a un altro, tutti lo sanno. Ma è consigliabile seguire sempre la linea retta? Se dovete attraversare una città, per esempio, difficilmente potrete farlo in linea retta senza scontrarvi con caseggiati, automobili e pedoni; allo stesso modo, in quell'immenso territorio che è la vita, dove sta ammassato un gran numero di creature, è raro che riusciate a raggiungere direttamente un obiettivo senza scontrarvi con interessi contrari ai vostri.
A volte è quindi preferibile scegliere la linea curva, vale a dire non presentarsi davanti agli altri dicendo immediatamente: «Eccomi. Mi presento. Ho dei progetti, lasciatemi passare per realizzarli». Prendete piuttosto delle deviazioni, cominciando a passare per luoghi dove non incontrerete ostacoli. E dato che non tutte le occasioni sono ugualmente favorevoli, aspettate anche il momento migliore per passare. Ciò significa che per realizzare tutti i buoni progetti che si hanno, è meglio evitare di imporsi seduta stante, ma è bene, invece, dar prova di acume psicologico, di pazienza e di elasticità. E questo equivale a seguire la linea curva. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov