BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Immagine
Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi presenti e....chissà, forse collaborando oggi, collaboreranno insieme nel futuro.
Ma di questo non ci preoccupiamo, sappiamo che tutto si gioca nell'oggi, perchè è ciò che oggi decidiamo che darà l'impronta al nostro futuro.
Discutiamo di tanti aspetti della vita, alcuni condivisi, altri meno, ma che importa....se non ci fosse un po' di pepe non saremmo reali, ed invece mi piace pensare che siamo persone e non solo nik non meglio identificati.
E' il mondo dei sentimenti, quelli più autentici. Questo blog rappresenta un sentiero, una Via che da tanto tempo percorro, il più delle volte da sola, altre con amici carissimi che il Buon Padre ha posto al mio fianco.
Gli argomenti affrontati sono molteplici, così come molteplici sono le strade che percorriamo ogni giorno. A volte sbagliamo il percorso, ma l'importante è avere …

Archivia

Mostra di più

BAMBINE A RISCHIO VIOLENZA E PEDOPORNOGRAFIA

Risultati immagini per IMMAGINI BLOG violenza bambine

Irene Mossa, Il Manifesto
11 ottobre 2016

"Il senso morale di una società si misura su ciò che fa per i suoi bambini". Con questa frase del teologo tedesco Dietrich Bonhoeffer, ricordata dal presidente del Senato Pietro Grasso, si è aperta ieri la V edizione della campagna "Indifesa" di Terre des hommes, associazione internazionale che sostiene l'infanzia in difficoltà.
Un’iniziativa nata per accendere i riflettori sulla condizione delle donne e dei diritti a loro negati, con la presentazione di un dossier sull’argomento, alla vigilia della Quinta Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze. Se infatti i minori sono ovunque vittime di abusi, questa realtà è ancora più drammatica per le bambine, doppiamente penalizzate e più esposte alla violenza.

I dati presentati nel dossier di Terre des hommes delineano le dimensioni di un’emergenza sociale gravissima. Nel 2015 in Italia sono stati 5080 i minori ad aver subito reati di violenza, con un incremento del 3% rispetto al 2011. E con una netta prevalenza femminile: il 60% delle vittime sono ragazze, che sono l’87% delle vittime di violenza sessuale e il 91% dei minori entrati nel giro della pornografia minorile.

Proprio la pornografia minorile presenta l’aumento più drammatico, del 543%, ed è uno dei settori di sfruttamento con la più ampia richiesta sul mercato. «I numeri sono impressionanti e non lasciano spazio a dubbi: la prevenzione della violenza sui minori deve essere una priorità delle istituzioni e richiede l’impegno di tutti, perché i ragazzi crescano con una visione sana delle relazioni di coppia, nel rispetto dell’altro», spiega Raffaele Salinari, presidente di Tdh Italia.

Tra i nemici più feroci delle bambine e ragazze ci sono infatti i loro coetanei: 817 sono i ragazzi condannati per violenze sessuali. «Molti di loro considerano l’altro, specie se è una donna, non come un essere umano con cui entrare in relazione, ma come un oggetto da utilizzare», sottolinea Salinari. «Per molti adolescenti la violenza è la prima risposta ai conflitti della loro età».

Ad aggravare la situazione c’è il web, percepito dal 60% dei ragazzi come un mondo solo virtuale, pur essendo invece un luogo fin troppo reale , dove fenomeni come il cyberbullismo hanno spesso conseguenze tragiche.
Se la violenza colpisce ancora troppe bambine in Italia, è il rischio più frequente, se non inevitabile, a cui sono esposte le ragazze in situazioni di miseria e di guerra. Matrimoni forzati e precoci, mutilazioni genitali, sfruttamento lavorativo e sessuale: a queste violenze sono condannate moltissime donne, prive della possibilità di studiare, crearsi un’autonomia e scegliere della propria vita.

In Paesi in guerra, migliaia di ragazze sono ridotte a schiave sessuali dei combattenti, come accade in Iraq e Siria alle donne considerate «prede di guerra» dai miliziani dell’Isis, o in Nigeria dalle milizie di Boko Haram. E tra le donne migranti che arrivano in Europa, quasi tutte hanno subito abusi sessuali durante il tragitto e necessitano di un aiuto psicologico.

A tutte queste donne Terre des Hommes cerca di dare un aiuto con i suoi progetti e oggi, in occasione della Giornata Mondiale delle bambine del’Onu, ricorda questa battaglia chiedendo a tutti di indossare l’arancione, colore simbolo di questa iniziativa, «perché rappresenta la parità di genere», e postando su facebook una frase con l’hashtag #orangerevolution.

http://ilmanifesto.info/bambine-a-rischio-violenza-e-pedopornografia/ 




post scorrevoli