PENSIERI SPIRITUALI





Il coraggio. Agire senza odiare. Agire per amare. Ed è lottando contro tutte le forme di male che l'uomo restituisce alla potenza irascibile della sua anima l'uso che le corrisponde e che ne condiziona la salute.
Suzanne Giuseppi Testut  







 Non ci si può nutrire dell'Eucaristia e poi escludere dal nostro cuore i fratelli; fare questo significa escludere Cristo, ma se escludiamo Cristo, ci condanniamo all'isolamento, alla morte, perché non c'è vera vita e vera comunione se non nel Signore, in colui che è l'Amore. Solo l'amore unisce. 
Anna Maria Cànopi 






La pratica non consiste nel valorizzare le qualità “buone”
e liberarsi di quelle cosiddette “cattive”.
Nessuno è “buono” o “cattivo”
(Charlotte Joko Beck) 







« Chi di voi non ha tra le sue conoscenze, o anche nella propria famiglia, qualcuno che fa fatica a sopportare? Ma invece di lamentarsi e recriminare, occorre considerare queste persone insopportabili come tante buone occasioni per fare degli sforzi e imparare ad amare. Sì, si tratta di un vero tirocinio.
Un giorno, quando lascerete la terra e vi presenterete davanti alle autorità celesti, queste vi chiederanno spiegazioni: «Perché non hai avuto più amore per i tuoi simili?». E non crediate di potervi giustificare dicendo che quelle persone erano sgradevoli o antipatiche... perché esse vi diranno: «No, non è una buona motivazione. Il Cielo ti aveva dato grandi ricchezze, avevi ricevuto braccia, gambe, orecchie, una bocca, occhi, e soprattutto un cervello, ma invece di servirtene per renderti utile agli altri, ti sei accontentato di criticarli e disprezzarli! – Ma erano così spregevoli! – Ebbene, questa era proprio una ragione in più per agire verso di loro con maggiore generosità». Niente potrà giustificarvi.  »

Omraam Mikhaël Aïvanhov







Momento dopo momento la nostra pratica è come una scelta, un bivio sulla strada dove possiamo scegliere se andare da una parte o dall’altra. La scelta è sempre, momento dopo momento, tra il nostro bel mondo che abbiamo costruito nelle nostre menti e ciò che è veramente.
(tratto da “Niente di speciale” – Charlotte Joko Beck)






 Il dialogo permette alle persone di conoscersi e di comprendere le esigenze gli uni degli altri. Anzitutto, esso è un segno di grande rispetto, perché pone le persone in atteggiamento di ascolto e nella condizione di recepire gli aspetti migliori dell’interlocutore.

Papa Francesco
(Udienza Giubilare sabato 22 ottobre 2016 ) 






« Perché è così importante riflettere bene prima di agire? Perché “agire” significa attivare delle forze, e una volta attivate, quelle forze non si fermano a metà strada, ma vanno fino in fondo. Siete in montagna, e sopra di voi c'è un'enorme roccia pronta a rotolare giù per il pendio: dipende da voi lasciarla tranquilla o anticiparne la caduta. Se la spingete, sarà poi impossibile fermarla: la roccia vi travolgerà, e con voi molti altri. E se aprirete gli sbarramenti di una chiusa, provate poi a fermare l'acqua!
Siete sempre padroni di agire o di non agire, ma a partire dal momento in cui decidete di agire, le forze da voi liberate vi sfuggono. Quando degli agitatori scatenano una sommossa, ben presto ne perdono il controllo. Ecco perché si dice: «Chi semina vento raccoglie tempesta», e quella tempesta può trascinare anche colui che l'ha suscitata. Prima di dire una parola, di gettare uno sguardo, di scrivere una lettera o di dare un segnale di guerra, si hanno tutti i poteri; dopo di che i poteri finiscono: non si è altro che spettatori delle potenze messe in moto, e spesso se ne è anche le vittime. »

Omraam Mikhaël Aïvanhov






Il deserto è una terra di speranza, è un luogo dove è sempre incipiente, pur nascosta, una fioritura di vita, una primavera. Dentro ogni situazione c'è un disegno di Dio. 

Anna Maria Cànopi 




 
Ci sono due modi per cadere in un tranello. Uno sta nel credere ciò che non è vero; l'altro è rifiutare di credere in ciò che è vero 

Soren Kierkegaard






MACRO

Etichette

Mostra di più

POST PIU' POPOLARI