BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Immagine
Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi presenti e....chissà, forse collaborando oggi, collaboreranno insieme nel futuro.
Ma di questo non ci preoccupiamo, sappiamo che tutto si gioca nell'oggi, perchè è ciò che oggi decidiamo che darà l'impronta al nostro futuro.
Discutiamo di tanti aspetti della vita, alcuni condivisi, altri meno, ma che importa....se non ci fosse un po' di pepe non saremmo reali, ed invece mi piace pensare che siamo persone e non solo nik non meglio identificati.
E' il mondo dei sentimenti, quelli più autentici. Questo blog rappresenta un sentiero, una Via che da tanto tempo percorro, il più delle volte da sola, altre con amici carissimi che il Buon Padre ha posto al mio fianco.
Gli argomenti affrontati sono molteplici, così come molteplici sono le strade che percorriamo ogni giorno. A volte sbagliamo il percorso, ma l'importante è avere …

Archivia

Mostra di più

SUDDIVISIONE DEI FIORI DI BACH


Mammealnaturale: Fiori di Bach per bambini:



I 12 Guaritori sono i primi fiori scoperti da Bach. A questi egli aggiunse 7 aiutanti e 19 altri fiori definiti “assistenti”. I 12 GUARITORI E ALTRI RIMEDI è anche il titolo di uno dei testi scritti da Bach, la cui prima edizione è del 1933. 
I 12 guaritori erano inizialmente classificati in un gruppo a sé stante perché Bach li considerava “rimedi per la personalità”, o meglio
rimedi intimamente associati a tratti particolari del carattere delle persone . Questi tratti dominanti non insorgono in occasione di un evento o momento specifico, bensì sono caratteristiche costanti delle persone, quasi dei “ punti deboli”. Portare su di essi la nostra consapevolezza ci consente di riflettere su quali qualità sarebbe necessario far emergere per raggiungere l’equilibrio.

I “12 guaritori”:
  • Agrimony (Agrimonia), per chi nasconde i propri tormenti dietro una facciata gaia e cortese;
  • Centaury (Centaurea minore), per chi non riesce mai a dire “no”;
  • Chicory (Cicoria comune), per chi ama in modo possessivo, cercando di fare tutto il possibile per essere ricambiato;
  • Rock Rose (Eliantemo), per chi è preso da grande paura e panico;
  • Gentian (Genzianella autunnale), per chi si abbandona al pessimismo, si scoraggia e si deprime facilmente;
  • Mimulus (Mimolo giallo), per chi ha paura delle cose di tutti i giorni (andare dal dentista, paura di oggetti etc)
  • Impatiens (Balsamina dell’Himalaya), per chi è impaziente e non sopporta interferenze coi suoi ritmi;
  • Cerato (Piombaggine), per chi non ha fiducia in sé e chiede continuamente consiglio ad altri;
  • Scleranthus (Fiorsecco, Scleranto o Centigrani), per chi è indeciso tra due scelte;
  • Vervain (Verbena), per chi si lascia trasportare troppo dall’entusiasmo e ha un forte senso di giustizia;
  • Water Violet (Violetta d’acqua), per chi ama stare da solo e talvolta e’ orgoglioso;
  • Clematis (Clematide), per chi sogna ad occhi aperti, vivendo più nel futuro che nella realtà.

 :


I “7 aiuti”:
  • Rock Water (acqua di fonte), per chi è molto rigido nel suo modo di essere e desidera essere d’esempio;
  • Wild Oat (Forasacco maggiore), per chi è insicuro sul ruolo da svolgere nella vita;
  • Heather (Brugo), per chi non ama stare solo e attacca spesso bottone, pur di poter parlare con altri;
  • Gorse (Ginestrone), per chi prova grande disperazione e si sente come bloccato;
  • Olive (Olivo), per chi è esausto a causa di fatica fisica o mentale;
  • Oak (Quercia), per chi non riesce a staccare, lavora molto e non si arrende mai;
  • Vine (Vite), per chi prova desiderio di dominare gli altri.
I “19 assistenti”:
  • Holly (Agrifoglio), prova rabbia, invidia e odio, sentimenti negativi forti nei confronti degli altri;
  • Honeysuckle (Caprifoglio comune), per chi ha nostalgia del passato;
  • Hornbeam (Carpino bianco), per chi non riesce a cominciare la giornata con la giusta energia;
  • White Chestnut (Ippocastano bianco), per chi ha pensieri costanti e indesiderati, e desidera pace mentale.
  • Sweet Chestnut (Castagno dolce), per chi prova un’anos ia estrema, dove non si vede altro che distruzione;
  • Red Chestnut (Ippocastano rosso), per chi prova apprensione per i propri cari;
  • ‘0’Beech (Faggio selvatico), per chi desidera vedere più bellezza ed è talvolta intollerante con gli altri;
  • Chestnut Bud (Gemma di Ippocastano bianco), per chi ripete sempre gli stessi errori;
  • Larch (Larice comune), per chi ha una bassa stima di sè, e ha paura di fallire;
  • Crab Apple (Melo selvatico), per chi ha necessita di pulizia nel corpo o nella mente;
  • Cherry Plum (Mirabolano), per chi ha paura di perdere la ragione e l’autocontrollo;
  • Walnut (Noce), per chi deve affrontare grandi cambiamenti e necessita di protezione dalle influenze esterne;
  • Elm (Olmo inglese), per chi si sente sommerso di responsabilità;
  • Pine (Pino silvestre), per chi ha un forte senso di colpa;
  • Aspen (Pioppo tremulo), per chi ha paura di cose vaghe, indistinte, e senza apparente motivo;
  • Wild Rose (Rosa canina), per chi si abbandona alla rassegnazione e all’apatia;
  • Willow (Salice giallo), per chi prova amarezza e risentimento;
  • Mustard (Senape selvatica), per chi si sente momentaneamente infelice e non sa dire il motivo;
  • Star of Bethlehem (Ornitogalo o Latte di gallina), per chi ha subito uno shock emotivo. 
Per consentirci di identificare quale fiore sia più adatto alla nostra personalità è comunque sempre possibile chiedersi “come reagisco io di fronte ad una situazione particolarmente negativa?” Talvolta i fiori che descrivono la nostra personalità sono più di uno, anche un paio. E’ comunque sempre opportuno notare ciò che è più evidente in noi stessi, perché sicuramente questo caratterizza la nostra personalità.
Tutti i 38 rimedi possono però essere utilizzati per curare gli stati d’animo, in quanto, indipendentemente dalla personalità, ciascun individuo può provare diverse emozioni o trovarsi in un differente stato in diversi stadi della vita. Più avanti negli anni lo stesso Bach, deciso a semplificare ancora di più la classificazione dei rimedi da lui scoperti, abbandona questa suddivisione e raggruppa i fiori in sette categorie, che si rifanno alla classificazione con la quale aveva suddiviso i nosodi all’epoca in cui si occupava di rimedi omeopatici.
Le sette tipologie di fiori, secondo lo stesso Bach, sono in relazione a diversi stati d’animo:
  • Per la paura: Rock Rose, Mimulus, Cherry Plum, Aspen, Red Chestnut.
  • Per l’incertezza: Cerato, Scleranthus, Genzian, Gorse, Hornbeam, Wild Oat.
  • Per lo scarso interesse verso le circostanze attuali: Clematis, Honeysuckle, Wild Rose, Olive, White Chestnut, Mustard, Chestnut Bud.
  • Per la solitudine: Water Violet, Impatiens, Heather.
  • Per l’ipersensibilità alle influenze e alle idee: Agrimony, Centaury, Walnut, Holly.
  • Per l’avvilimento e la disperazione: Larch, Pine, Elm, Sweet Chestnut, Star of Bethlehem, Willow, Oak, Crab Apple.
  • Per l’eccessiva preoccupazione del benessere altrui: Cicory, Vervain, Vine, Beech, Rock Water.

post scorrevoli