È il momento di vivere senza paura


Marta Albè
E’ il momento di vivere senza paura. Non dobbiamo avere paura di esprimere noi stessi e ciò che proviamo, anche quando può fare male, perché siamo molto più forti di quanto pensiamo. Smettiamo di avere paure inutili che possono ostacolare la nostra libertà emotiva.

Con questo non vogliamo dire che dovremmo cancellare tutte le paure, perché
in alcuni casi la paura è positiva e ci salva la vita. Vogliamo dire che non dobbiamo lasciarsi bloccare dalla paura, ma che dobbiamo affrontarla e superarla quando ci è possibile per continuare a vivere al meglio.
Libertà emotiva non significa lasciar esplodere la nostra rabbia ogni volta che vogliamo, significa imparare ad utilizzare la nostra intelligenza emotiva per esprimere al meglio le nostre emozioni.
Essere liberi emotivamente significa saper gestire i nostri sentimenti e le nostre emozioni, essere in grado di prendere delle decisioni e smettere di essere prigionieri dell’infelicità che ci impedisce di prenderci cura dei nostri veri bisogni.
Il momento di essere felici è sempre ora, nel presente. Ecco come possiamo impegnarci a vivere senza le paure che ci bloccano e a migliorare la nostra intelligenza emotiva.
Leggi anche: COME VINCERE LA PAURA E ALLENARE LA MENTE AD AFFRONTARLA

1) Smettere di reprimere le emozioni

Molti di noi forse sono stati educati nella cultura del silenzio, in cui vige il divieto di piangere davanti agli altri e di mostrare le proprie emozioni. Reprimere le emozioni può fare male alla salute. Meglio imparare ad ascoltare e gestire le emozioni invece di reprimerle. Dobbiamo imparare a manifestare i nostri bisogni, non a nasconderli, e a chiedere direttamente ciò che ci occorre per stare meglio alle persone interessate.

2) Imparare a parlare in prima persona

Parlare in prima persona non è segno di egocentrismo ma della necessità di esprimere davvero il proprio diritto personale alla libertà, all’esistenza e a dare voce a necessità e opinioni. Chiedere aiuto in caso di necessità non è un atto di egoismo. Parlare in prima persona fa parte della nostra  autodeterminazione e autorealizzazione sia nella vita quotidiana che sul lavoro.

3) Comprendere e gestire le emozioni

Se ci troviamo di fronte ad emozioni forti come la rabbia e la paura dobbiamo comprendere da dove nascono e dove dirigerle. A volte la rabbia può essere rivolta non solo verso gli altri ma anche verso se stessi mentre la paura può diventare un ostacolo invece che un aiuto o una spinta verso la sopravvivenza. Se abbiamo bisogno di sfogare delle emozioni forti possiamo trovare delle vie verso cui incanalarle, ad esempio l’attività fisica e l’espressione artistica ma anche la decisione di fissare nuovi obiettivi da raggiungere.

4) Non tralasciare sogni e progetti

Cerchiamo di ricordare sempre quali sono i nostri sogni e progetti più importanti e non abbandoniamoli. Proviamo a portarli avanti poco alla volta quando ci troviamo in un momento difficile ma cerchiamo di non chiuderli in quel cassetto dove verranno dimenticati. Continuiamo a lottare per ciò che amiamo e desideriamo.

5) Ricordare che siamo più forti di quanto pensiamo

Se tendiamo a considerarci delle persone fragili, non dimentichiamo che in realtà siamo molto più forti di quanto pensiamo. Possiamo riconoscere quali sono i nostri punti di forza e imparare a svilupparli al meglio per diventare delle persone migliori. In questo modo saremo più forti emotivamente per affrontare al meglio la vita.