BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Immagine
Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi presenti e....chissà, forse collaborando oggi, collaboreranno insieme nel futuro.
Ma di questo non ci preoccupiamo, sappiamo che tutto si gioca nell'oggi, perchè è ciò che oggi decidiamo che darà l'impronta al nostro futuro.
Discutiamo di tanti aspetti della vita, alcuni condivisi, altri meno, ma che importa....se non ci fosse un po' di pepe non saremmo reali, ed invece mi piace pensare che siamo persone e non solo nik non meglio identificati.
E' il mondo dei sentimenti, quelli più autentici. Questo blog rappresenta un sentiero, una Via che da tanto tempo percorro, il più delle volte da sola, altre con amici carissimi che il Buon Padre ha posto al mio fianco.
Gli argomenti affrontati sono molteplici, così come molteplici sono le strade che percorriamo ogni giorno. A volte sbagliamo il percorso, ma l'importante è avere …

Archivia

Mostra di più

LA VITA CHE IO STESSO HO SCELTO





Prima che io venissi in questa vita terrena,
mi fu mostrato come l’avrei vissuta,
e vidi preoccupazioni ed afflizioni,
c’erano pene e un fardello di sofferenze,
vidi i vizi che mi avrebbero preso,

gli errori che mi avrebbero tenuto prigioniero,
l’ira affrettata e il rancore,
l’odio, l’orgoglio, la presunzione e la vergogna.
Ma c’erano anche le gioie di quei giorni
pieni di luce e sogni,
senza alcun lamento, né sofferenza,
e ovunque doni zampillanti dalla fonte.
Dove l’amore, a chi è ancora
legato nella veste terrena,
dona la beatitudine dell’essere libero da tutto,
dove l’uomo, libero da ogni sofferenza umana,
si considera come un eletto da sublimi spiriti.
Mi venne mostrato il male e il bene,
mi vennero indicate tutte le mie mancanze,
la ferita che mi avrebbe fatto sanguinare,
e mi venne palesato l’aiuto degli angeli.
E al ché vidi così la mia vita futura
sentii un essere che mi chiese
se avevo il coraggio di viverla,
poiché ormai era giunta l’ora di decidere.
E soppesai ancora una volta tutte le cose peggiori
e poi risposi con voce decisa:
“Questa è la vita che voglio vivere”
e mi caricai in silenzio del mio nuovo destino.
Così nacqui in questo mondo,
e così avvenne che entrai nella nuova vita.
Non mi lamento, se spesso non mi piace,
perché l’ho accettata già prima di nascere.”

Hermann Hesse
www.antiguatau.it/

post scorrevoli