IL PEGGIOR ERRORE DI CRISTO: DIVENTARE UOMO SULLA TERRA




E il Figlio disse al Padre. “Papà vorrei scendere un po’ sulla Terra”. Dio corrugò la fronte. Era da un po’ di tempo che quel figliolo lo preoccupava. Niente di grave in verità. Nulla a che vedere con la rivolta di Lucifero, quel campione di superbia, ammalato di SuperEgo, che aveva osato dire “meglio essere primi in Inferno che in Ciel servire”. L’aveva cacciato giù nel profondo, quello screanzato. Anche se gli seccava un po’ quello che gli riferivano gli Angeli addetti
ai servizi segreti. Pare che Satana si divertisse un mondo. Era un sadico e si era inventato per i Dannati le torture più terribili, gente immersa nel ghiaccio per l’eternità, cose che nemmeno a Guantanamo…Del resto la colpa era sua. Era stato Lui a dare a Lucifero quel compito. Ma Satana e i suoi sodali (nel profondo ne aveva cacciati un bel po’ perché la sedizione era stata seria e molti vi avevano aderito) stavano esagerando. Poiché Lui non aveva poteri sull’Inferno, che era l’unico luogo fuori dalla Sua giurisdizione, da un po’ di tempo si era dato da fare per tramutare le pene e molti li aveva mandati in Purgatorio. Qui niente waterboarding, stimoli elettrici, umiliazioni, solo una profonda sonnolenza in attesa che passasse il periodo di carcerazione preventiva e assurgessero anche loro al Paradiso.
No, da suo Figlio non c’era da temere nulla del genere. Era dolce, affettuoso, accuditivo (cosa che era diventata importante adesso che Lui veniva vecchio. Addirittura laggiù sulla Terra qualche devoto lo raffigurava con una lunga barba bianca, cosa che gli seccava moltissimo). Era solo un po’ irrequieto quel suo figliolo, attraversava l’età dell’adolescenza. Ma la sua contestazione era soft.
Perché vuoi scendere sulla Terra, figliolo?”. “Papà qui mi annoio un po’. Siamo solo in tre, tutti maschi per giunta. E poi, lo dico col massimo rispetto, quello Spirito Santo è veramente insopportabile. E’ troppo astratto e non si possono mai fare quattro chiacchiere alla buona. Qualche volta scendo le scale e vado giù a giocare a calcio con i Cherubini e i Serafini. Ma vince sempre la squadra dove ci sono io. E ho il sospetto che mi facciano vincere apposta per evitare qualche ritorsione. Anche se Noi, lo dovrebbero sapere, non siamo punitivi come quei nostri vicini, come si chiamano, ah sì gli Jahvè. Insomma per dirtela tutta, Padre, vorrei farmi qualche scopatina. Con le Sante non c’è niente da fare, sono quasi tutte vergini e anche quelle che non lo sono hanno in testa il dovere della castità. E poi non posso essere proprio io a dare il cattivo esempio dopo che da duemila anni facciamo professione di sessismo. Addirittura qualche tempo fa un tuo Vicario in terra, non mi ricordo più come si chiama, so però che è finito all’Inferno perché si è scoperto che non credeva in Te, aveva messo nella sua location, come simbolo del Male, la fotografia di quella bellissima, carinissima, ingenuamente maliziosa, deliziosa ragazza, te la ricorderai sicuramente anche Tu, BB, Brigitte Bardot. Un vero bijoux. Un eccesso di zelo se mi consenti, pardon se mi permetti, Padre”.
E quanto vuoi stare laggiù sulla Terra?”. “Ah poco, pochissimo, una trentina d’anni, un attimo in termini cosmici. Non ti lascerò solo con lo Spirito Santo a lungo. Allora, me lo permetti, Padre? Dai, solo una ‘fuitina’, rapida rapida”. “Va bene, però ti devo avvertire che per tutto il periodo in cui sarai un uomo in carne e ossa patirai le sofferenze degli uomini”. “Beh, vorrà dire che farò un po’ di esperienza”. “Va bene, va bene. Oltretutto potrai essere utile per portare a Noi, con qualche miracolo ben mirato, un po’ di quella gente perché mi sembra che da qualche tempo, laggiù, molti abbiano deviato e non ci riconoscano più come i veri padroni del Cielo e della Terra. Comunque per scendere, per favore, prendi l’astronave più piccola, quella un po’ scassata, perché ho intenzione di farmi un gran bel viaggio con l’Ammiraglia”.
Una volta sceso in terra Cristo si trovò di fronte ad alcune questioni logistiche. Essere un bèbè non lo attirava affatto, ma la cosa poteva essere superata inventandosi qualche leggenda a cui gli uomini, quegli eterni creduloni, avrebbero prestato sicuramente fede. Lui voleva nascere intorno ai vent’anni. Con i poteri suoi e di suo Padre poteva permetterselo. E così fece. Per una decina d’anni s’immerse nella vita degli uomini: donne, prostitute, feste, vino, hashish che si faceva venire dall’Oriente e anche qualche scappatina con i ‘travesta’.
Dopo essersi divertito pensò che era giunto il momento di seguire le raccomandazioni di suo Padre che gli aveva chiesto di fare un po’ di proselitismo. Era un grande illusionista, moltiplicò i pani e i pesci, camminò sulle acque del lago di Tiberiade, resuscitò un morto, ridette la vista a un cieco. In verità questa fu l’operazione più difficile. Dovette mandarlo sul lago, fargli raccogliere un bel po’ di argilla, spalmargliela sugli occhi, aspettare un bel po’ di tempo e poi finalmente quello tornò a vedere. Ma nemmeno lui era sicuro che questo miracolo fosse avvenuto realmente o non fosse piuttosto frutto di autosuggestione.
Era anche un po’ deluso. Non è che la sua missione avesse avuto un grande successo. In tutto aveva raccolto dodici seguaci. Ma anche quel piccolo manipolo aveva irritato della gente di laggiù, gli ebrei, quelli che credevano al loro vicino di casa, Jahvè. Così un giorno si trovò circondato da quelli: gli volevano fare la pelle. Per fortuna arrivò in tempo il comandante romano della piazza che lo portò dal governatore di Giudea, un certo Ponzio Pilato. Costui chiamò i maggiorenti degli ebrei e chiese loro di cosa accusassero quell’uomo. “Afferma di essere il figlio di Dio –risposero- mentre di Dio ce n’è uno solo, il nostro”. Mentre il mob, la folla, tumultuava sotto il palazzo chiedendo che a quell’imbroglione fosse data la giusta punizione, Pilato chiese a Cristo: “Senti, rinuncia a questa storia del ‘figlio di Dio’, io mando via quei rompicoglioni che non fanno che innescare gazzarre mentre è mio dovere mantenere l’ordine pubblico e tu sei salvo”. “Io non posso rinnegare me stesso” rispose Cristo. “You are foolish Jesus Christ, how can I help you se sei così testone? Io non credo che tu nemmeno intenda le mie parole, sembri quasi assente, non capisci che la tua vita è nelle mie mani?”. “Nelle tue mani non hai proprio niente, everything is fixed, and you can’t change it”. Pilato prese la frusta, chiese a Cristo di abbassarsi la tunica bianca scoprendo la schiena e gli assestò 39 frustate. Ma quello era irremovibile. “Senti Cristo, tu mi sei simpatico, sei anche un gran bel ragazzo, giovane, perché ti vuoi martirizzare e far crocifiggere?”. “Sia fatta la volontà di Dio”. “E allora sai che ti dico: io me ne lavo le mani”.
E così Cristo fu portato sul Calvario seguito da una folla urlante tutta eccitata, come sempre, per uno spettacolino fuori ordinanza. I chiodi piantati nelle mani e nei piedi facevano un male cane. Inoltre a star lì gli era venuta una sete terribile. Peraltro il Padre lo aveva avvertito: per quel suo capriccio avrebbe dovuto sopportare i dolori degli uomini. Cominciò a pensare di essersi cacciato in un brutto guaio. Invocò l’aiuto di suo Padre. Silenzio. Forse Quello era in giro per il cosmo con la sua Astronave e non si accorgeva di ciò che stava accadendo. “Padre, padre, perché mi hai abbandonato?”. Cominciò anche a dubitare che suo Padre avesse quei poteri di cui si era sempre vantato. Venne anche sepolto in un sepolcro. A quel punto Dio, ritornato dal suo viaggio, di cui era molto soddisfatto, si accorse di quello che stavano facendo a suo Figlio e lo richiamò a sé.
Allora com’è andata la tua esperienza?” gli chiese sorridendo. “Male, molto male, mi hanno conciato per le feste. E poi anche tutti quei divertimenti non è che siano gran cosa. Il sesso di cui laggiù fanno gran caso non è che un semplice sfregar di mucose, anche piuttosto disgustoso devo dire. Ma il fatto più grave è che quelli lì, gli uomini, sono della gentaccia. Ti proporrei di cacciarne molti di più all’Inferno abbandonando quella politica di appeasement con gli umani che hai inaugurato da un po’ di tempo. Fai come gli Jahvè. Forse sono loro a essere nel giusto”. 

Massimo Fini