FAME OPPURE VOGLIA DI QUALCOSA DI BUONO?


Hmmmmm ho una fame incredibile. Ora mi mangio una fetta di torta.
Vi trovate mai in questa situazione? Potete sostituire torta con pizza, patatine o quello che più vi piace, il concetto non cambia.
Ma siete proprio sicuri di avere fame? O magari è più… voglia di qualcosina di buono?
Mah, risponderete, io sento fame. Che differenza c’è?
Si che c’è differenza, adesso vi spiego qual’è.
       
Se avete fame, e con fame intendo la fame biochimica, quella che nasce dal fatto che l’organismo vi segnala che sta terminando le energie e ha bisogno di un nuovo rifornimento, probabilmente state sperimentando una sensazione che dura da un po’ di tempo e che, progressivamente, è arrivata ad un livello tale da attirare la vostra attenzione. In realtà questa fame potete tranquillamente ignorarla fino al momento in cui potrete dedicarvi al vostro pasto, la sensazione fisica rimane ma la vostra mente può continuare a dedicarsi alle sue attività. Quando poi decidete che è il momento di dedicarvi allo stomaco, probabilmente non avrete bisogno di particolari alimenti per saziarvi, potrete scegliere tra diverse possibilità di cose che vi piacciono e tutte vi faranno sentire ugualmente sazi e soddisfatti. E rimarrete sazi per almeno alcune ore, in funzione di quanto e come avete mangiato. Ecco, questa è quella che io chiamo fame.
La fame che sta dietro alla voglia di qualcosa di buono è un po’ diversa. Spesso compare all’improvviso e è molto violenta, proprio non la potete ignorare. La vostra mente fa fatica a concentrarsi su quello che state facendo, tutta la vostra attenzione è richiamata dalla fame. Non sarà facile soddisfarla se non con quel particolare alimento di cui avete improvvisamente voglia. Se avete voglia di pizza, ci vorrà proprio una succulenta e calda pizza per saziarvi, e qualunque altra idea o proposta vi provocherà un senso di fastidio e di insoddisfazione. Ma come, avete  voglia di pizza e vi propongono una bistecca? Non se ne parla. Una volta mangiato quello che proprio desiderate, vi sentirete moooooolto soddisfatti. Ma è anche possibile che avrete nuovamente fame, oppure voglia di qualcosa di buono, abbastanza presto. E magari rimarrete anche perplessi. Ma come è possibile? Avete mangiato da un’ora e avete di nuovo fame? Bene, questa non è realmente fame, anche se la sensazione che si prova a livello fisico è esattamente la stessa. Questa possiamo definirla fame emotiva.
 
     La fame emotiva fa parte della vita di tutti. Magari non tutti sanno riconoscerla e magari non in tutti si manifesta in modo frequente e importante, ma è un fenomeno che occasionalmente sperimentano tutti, dato lo stretto legame tra alimentazione e vita emotiva delle persone.

Una parte del mio lavoro è proprio insegnare alle persone a distinguere tra i due tipi di fame e a capire da quali bisogni nasce la loro voglia di qualcosa di buono. Si, perchè dietro la fame emotiva c’è un mondo da esplorare e comprendere, alla ricerca del proprio benessere.