IL PIGIAMA? MA NON SE NE PARLA PROPRIO...




Quando lessi questo articolo di Thérèse Hargot, rimasi molto colpita. Finalmente qualcuno che manifesta di credere nel sesso come cura per il rapporto di coppia!
Il consiglio di dormire senza pigiama è davvero originale e provocatorio, serve bene allo scopo.
D’altronde anche la Chiesa, considerata bacchettona e per morigerati sessualmente sacrificati, non tutti lo sanno, in verità difende e promuove l’esercizio della sessualità
degli sposi, non solo per procreare!
Per chi volesse approfondire, potete leggere Humanae vitae o l’attualissima Amoris laetitia.
Dunque cari amici dateci dentro:
dentro alla vostra stanza,
dentro al vostro letto,
dentro alla vostra coppia,
dentro ai vostri cuori,
nel giardino sicuro e libero dei metodi naturali, o chiudendo gli occhi forse vi immaginate un paradiso con frutti-preservativi?

CONSEIL SEXO: LE PYJAMA? NO WAY! di Thérèse Hargot

Nel nome del vincolo matrimoniale, e per la sua protezione, è proibito indossare il pigiama. La camicia da notte è accettabile. La nudità sarebbe preferibile e anzi raccomandata. La buoncostume dovrebbe frugare tutti gli armadi delle persone sposate per sequestrare i mutandoni bianchi, gli slip in cotone da adolescenti, i boxer coi buchi come pure tutte le t-shirt tempestate di cuori, orsacchiotti o altri unicorni, che una si mette la sera prima di infilarsi a letto. Portare le babbucce la notte dovrebbe essere considerato come un atto intrinsecamente grave: le conseguenze sulla vita coniugale potrebbero risultare fatali.
«Ma io ho freddo la notte!» mi risponderete. E aumentate il riscaldamento! L’importo della fattura sarà sempre meno sconvolgente dei costi connessi alle conseguenze di una frustrazione sessuale duratura: shopping compulsivo, amante per lei, amante per lui, siti di incontri, siti pornografici, etc.
«Ho dei bambini che si svegliano la notte, bisognerà pure che mi copra per bene, se non voglio ammalarmi andando da loro!». Un’altra scusa che non regge. Basta mettere una vestaglia, un accappatoio o quello che volete accanto al letto per coprirvi in caso di risveglio notturno.
«La odio!» si diranno quelle stesse donne che mi hanno maledetta dopo il mio articolo sull’arte del bacio (vedi “Le prostitute non baciano. Ma perché? Le mogli invece sì?” [in via di traduzione]). Lo ammetto, non do prova di alcuna solidarietà femminile, ma non importa: la riconoscenza del marito compenserà ampiamente questa momentanea sgradevolezza (se non stiamo poi parlando della situazione contraria, cioè della moglie che ne ha abbastanza dell’orrido pigiama da nonno di suo marito!).
Il contatto pelle a pelle cambierà la vostra vita, rivoluzionerà la vostra vita sessuale.
In primo luogo, dormire nudi fa dimagrire (il corpo, riscaldandosi, consuma calorie) e di lottare contro le infezioni (lasciando il corpo respirare si limita la produzione di batteri). E questo è un punto a favore, no? Inoltre, il fatto di sentire il corpo dell’altro, di essere incollati, di toccarsi senza falso pudore aumenterà in modo naturale la vostra libido. Fare l’amore avrà effetti molto positivi sulla vostra salute (sulla qualità del sonno, sulla frequenza cardiaca, ecc), avrà conseguenze sulla vostra linea (poiché l’attività fisica fa consumare calorie) e conseguenze sul vostro benessere in generale. E inoltre, questo contatto pelle a pelle tutte le notti risveglia i sensi (i vostri e i suoi), crea un forte attaccamento, permette di riprendere il contatto dopo una giornata di attività svolte separatamente e vestiti.
Ma soprattutto, dormire nudi è regalarsi il paradiso per una notte, è vivere come Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden:
«Erano entrambi nudi, l’uomo e la donna, ma non ne provavano vergogna»
È stato solo quando hanno mangiato il frutto proibito che si sono nascosti l’un l’altro! D’altronde è estremamente interessante prendere questo racconto da un punto di vista psicologico: che cosa nascondono, in realtà, i pigiami? Rancori, disagî, ferite, sensi di colpa, ripicche…?
Eh. Eh…
Forza, armatevi di un bel sacco della spazzatura e liberate gli armadi da quegli “ammazza-amore”. Qualora si manifestasse una più forte reticenza, si dovrebbe ricorrere per forza a una bella e approfondita discussione, per sollevare il velo su ciò che gli indumenti indossati durante la notte sperano di nascondere all’altro.
tradotto per  Monte di Venere  da Giovanni Marcotullio

MACRO

Etichette

Mostra di più

POST PIU' POPOLARI