BENVENUTI SU

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Immagine
Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi presenti e....chissà, forse collaborando oggi, collaboreranno insieme nel futuro.
Ma di questo non ci preoccupiamo, sappiamo che tutto si gioca nell'oggi, perchè è ciò che oggi decidiamo che darà l'impronta al nostro futuro.
Discutiamo di tanti aspetti della vita, alcuni condivisi, altri meno, ma che importa....se non ci fosse un po' di pepe non saremmo reali, ed invece mi piace pensare che siamo persone e non solo nik non meglio identificati.
E' il mondo dei sentimenti, quelli più autentici. Questo blog rappresenta un sentiero, una Via che da tanto tempo percorro, il più delle volte da sola, altre con amici carissimi che il Buon Padre ha posto al mio fianco.
Gli argomenti affrontati sono molteplici, così come molteplici sono le strade che percorriamo ogni giorno. A volte sbagliamo il percorso, ma l'importante è avere …

Archivia

Mostra di più

LA PERCEZIONE...

LA PERCEZIONE...


Un giorno un re riunì alcuni ciechi e propose 
loro di toccare un elefante per constatare come fosse fatto.
Alcuni afferrarono la proboscide e dissero: "Abbiamo capito: 
l'elefante è simile a un timone ricurvo".
Altri tastarono gli orecchi e dichiararono: 
"È simile a un grosso ventaglio".
Quelli che avevano toccato una zanna dissero:
 "Assomiglia a un pestello".
Quelli che avevano accarezzato la testa dissero: 
"Assomiglia a un monticello".
Quelli che avevano tastato il fianco dichiararono: 
"È simile a un muro".
Quelli che avevano toccato una gamba dissero: 
"È simile a un albero".
Quelli che avevano preso la coda dissero: 
"Assomiglia a una corda".
Ognuno era convinto della propria opinione. 
E, a poco a poco, la loro discussione divenne una rissa.
Il re si mise a ridere e commentò: "Questi ciechi discutono e altercano. 
Il corpo dell'elefante è naturalmente unico, e sono solo le differenti percezioni
 che hanno provocato le loro diverse valutazioni e i loro errori".

Parabola Indù

post scorrevoli