Post

Visualizzazione dei post da maggio 21, 2017

IL MESSAGGIO MISTERICO ESCATOLOGICO DI FRATE ELIA - CAPITOLO PRIMO -

Immagine
Capitolo 1°
 La Cassa del Mistero 

L'alzata del feretro è divisa in due rettangoli, ognuno a sua volta diviso da diagonali
Schema tavola di sinistra
1) la tavolaè divisa in quattro parti, con quattro distinti"Fiori della vita" 
Ognuno dei "Fiori della vita" ha una distinta rotazione, legata molto probabilmente alle
"quattro  energie"
che compongono ogni essere vivente. 

2) in ogni porzione è disegnato un “Fiore della vita”in mezzo a "due cerchi", all'interno dei quali - nell'intercapedine - sono riprodotti   simboli  dell'acqua e della "Y" ?



3) il fiore della vitain alto è avvolto da "duecerchi”, restando però  privo di disegni simbolici nell'intercapedine? 
3) Nella porzione in basso e in quella a destra una “linea”unisce “tre petali” in modo assimetrico, non toccando le medesime "foglie", creando un movimento circolatoriotra le quattro energie


IL MESSAGGIO MISTERICO ESCATOLOGICO DI FRATE ELIA -INTRODUZIONE

Immagine
>  Messaggio misterico escatologico di Elia< Chiunque sia l'ispiratore di questa incisione parla attraverso " un codice simbolico escatologico
ancora più difficile da decriptare, essendo un linguaggio persosi nel tempo, patrimonio di pochi”Iniziati all’Arte Reale”cosi segreto e incomprensibile da suscitare inevitabili perplessità da parte degli storici e degli esperti di Arte medievale, che avanzano dubbi sull'autenticità della"feretro" di Francescoe di Chiara, ritrovato dopo  800 anni da Fra Marino Bigaroniin un ripostiglio del Convento delle Clarisse ad Assisi, come del resto le stesse Autorità ecclesiastiche e  francescane, che stanno mostrando una totale indifferenza su un scoperta di questo Frate, per anni professore di Arte all'Università di Perugia,considerato uno dei massimi esperti di archeologia francescana, tanto che il suo Ordine gli aveva affidato il compito di esaminare i reperti più antichi risalenti alla nascita del movimento fr…

LA FRASE DEL GIORNO

MAPPA

MACRO