Post in evidenza

"DISABILI NEL CORPO, ABILI NEL CUORE"

Benvenuti a tutti i nuovi amici. Le nostre strade si incrociano, provengono da diverse esperienze, da diversi passati, da diversi ...

sabato 14 luglio 2018

L’OCEANO NELLA GOCCIA


L’energia sottratta al reale e sequestrata nei circuiti radicati di passato della tua mente, fa appassire i colori, fa risaltare le distanze e la separazione, impoverisce il valore e la bellezza, rende fragile la connessione tra le cose.
Per tenere insieme e dare senso a questo mondo impoverito la mente aggiunge forti dosi di tempo lineare e di collegamenti causa-effetto, i collanti che dirigono il senso delle cose.
E ancora ti sorprendi che l'Amore incondizionato sembra così raro e nascosto?.
*****
Riconoscimento – la Via della Conoscenza:
Ciò-che-è:
non è ciò che pensi
non è ciò che cerchi
non è ciò che hai trovato
non è ciò che aspetti
non è ciò che ricordi
non è ciò che fai
non è l’effetto su di te
non dipende da te
non cambia col tempo
non può essere posseduto
non può essere perso
non può mancargli nulla
non è speciale
Ciò-che-è è tutto questo.
…Eppure….
….eppure…
Guarda: è così ovvio!
Chi-sei è prima di io sono
Chi-sei non è altro che QUESTO.
E “tu lo sai” perché lo sei!
Ciò-che-è è al di là di qualunque tua percezione o comprensione (Nisargadatta)
*****
Riconosci se queste parole ti confermano quello che in cuor tuo hai sempre saputo…..
L’Universo che ci appare è l’unità di tutte le direzioni nella contemporaneità di ora. L’Universo è però anche l’unità di ogni presente e in esso è possibile viaggiare solo attraverso il tempo nella fissità di qui. Visto così è un Universo capovolto rispetto al nostro quotidiano, con lo scambio dell’asse Tempo con quello dello Spazio.
Questo Universo può essere esplorato solo nell’immobilità del tuo Essere da parte della coscienza risvegliata a sè.
In ogni caso, con la morte del corpo, si indebolisce il vincolo spaziale mentre ci si sposta, rimanendo qui, in un tempo parallelo dove la frequenza dell’Essere è molto rallentata (l’apparente eternità in quello stato è misurabile in poche ore o giorni nostri).
L’Amore è l’unica forza in grado di mettere in comunicazione diversi spazi-tempi perché è la natura essenziale di tutto ciò che si manifesta , all'origine di ogni possibile manifestazione.
Riscopri in te la possibilità di questa libertà immensa?
******
 
 
 
Esiste un tragico dualismo che spezza l'unità fondamentale della visione della Verità. Da qui parte l’evoluzione piena di sofferenza e violenza della specie umana
La causa è la frattura DIO-IO, la grande separazione rivissuta inconsciamente da ogni bambino all'inizio della sua storia personale
In questa " D " che manca c’è l’abisso che ha preso le nostre coscienze per secoli…la distorsione sistematica della realtà percepita, il grande “imbroglio” , ma anche l’inizio del tuo ritorno a casa.
Questo inizio...
*****
Digiuno dal rumore della mente stessa, dal rumore incessante e di fondo delle tue storie e soprattutto quello dell’ego.
Riconosci che tu stesso sei il silenzio che vive e tutto torna a posto e si alleggerisce. Liberazione da te stesso rimane la stella polare del tuo percorso..
La tua mente ha un regalo per te…. Si ferma il suo cercare continuo e rimane la sua attenzione…Questo il suo più grande regalo e questo il senso del tuo apparente “perderti” fino a quel momento di rivelazione.
Stiamo in tanti aspettando che questo sia possibile a tanti ancora e allargare la celebrazione della vita.
*****
A La tua unità energetica, la tua vita nasce da un vuoto riempito da Amore che si sta ancora cercando, completando.
Tu sei lo strumento per questa ricerca. L’anima è la fonte di te, la spinta primordiale che ti guida nella vita. Ti precede prima di diventare te e, fino alla “fine del tempo”, tornerà in uno spazio-tempo instabile e, ai nostri occhi, non manifesto.
Anche la tua anima si scioglierà al momento opportuno assieme alla storia di te
Torni allora a scoprire “la faccia che avevi prima che i tuoi genitori nascessero” (detto Zen)…..
*****
Di tutte le domande della nostra ricerca (inquiry) la più importante perché “ultima” è senz’altro: “chi sono io?”
La risposta non è nelle parole che sono inevitabilmente “sbagliate” (perché la mente-che-pensa rimane attiva) ma nell’esperienza che ti permetterà finalmente di dire: “lo so perché lo sono!” .
Al di là di qualsiasi dubbio...
È una conoscenza non mediata, diretta (“appercezione”) della Coscienza di sé. Questa domanda rimane quindi senza risposta comprensibile per la mente, tua e degli altri, ma sarà risolutiva per la tua esistenza.
Quando avviene è una data da segnarsi come un nuovo inizio anche se forse ci sarà da aspettare ancora a lungo prima di vederne i frutti...
Un essere nuovo sta per nascere..
*****
 
 
 
Quando si stabilizza il Riconoscimento di chi-sei, in chi-sei, percepisci che il vuoto della mente è lo stesso Vuoto essenziale da cui emerge cio' che chiamiamo la “realtà”.
La nostra vita frenetica aumenta la possibilità degli incontri con il Vuoto: esso infatti è la fonte del disorientamento e del sentimento di "essere perso" che il vivere inevitabilmente ti fa provare, di tanto in tanto. Ma il Vuoto è semplicemente un nome per tutto ciò che è, la sua quintessenza. Come puoi continuare a preoccuparti? "chi" si preoccupa?
Il Vuoto è il fattore unificante che libera. E' il grande attrattore che ti riporta a casa. Affidati completamente...
*****
Difendere ad oltranza come sei e le tue scelte non è spesso un atto d’amore ma di ignoranza. Ciò che ti ha reso diverso dagli altri alla fine ti ha imprigionato. Adesso la corazza caratteriale si è aperta. Aria fresca, leggerezza e incredibilmente lo sblocco ad uno ad uno degli ostacoli che rallentavano la tua libertà, impoverivano la tua vita. La compassione, sorella di cuore della consapevolezza,  è una luce implacabile, obiettiva che va ben oltre i limiti del tuo piccolo coraggio e onestà. Tu vedi, io ti vedo e non ho più difese dal tuo sguardo . tutto si scioglie e torna l’ordine naturale e intrinseco delle cose…
Il tuo ego non ti ha mai controllato ma semplicemente sostituito durante il tuo lungo sonno da te stesso. Per questo il Risveglio è sempre dolce , mai una lotta. Riconosciti e alzati, la luce è arrivata
*****
Il Risveglio è un cambio radicale di prospettiva dove “io” rimane ma non è più la guida della tua vita.
 Il Risveglio, un giorno, “impara” a funzionare nella vita di tutti i giorni, si integra anche nell’azione- non è più solo un risveglio “statico” (e talvolta e-statico) e molto personale. Questo passaggio è vissuto spesso con  disorientamento (“ma non sono più “io” a fare queste cose!!”) ma anche con accresciuto senso di meraviglia e di gratitudine. E’ l’esperienza potente  della “impersonalità” della tua vita! Wei wu-wei, "agire senza agire" .
Realizzi con chiarezza che la vita non è tua ma che tu sei “vissuto” dalla Vita.
La vita “personale” rimane ma non è certo la cosa più importante che accade: “Uno” inizia a mostrare tutta la sua potenza e tu sei al suo servizio per strade oggi del tutto imprevedibili.
******
Siamo partiti col desiderio di cambiare tutto e noi stessi. A poco a poco riconosci che niente deve cambiare e che tutto come appare è completo e perfetto in sé.
Anche questa sfiducia che senti dentro di te “sa” come portarti a casa. Togliti di dosso questa pressione a cambiare, a migliorarti, ed è come l’erba che si rialza dopo che sollevi la pietra che la schiacciava…
Non esiste alcun ostacolo al tuo Risveglio! La tua vita è ESATTAMENTE la tua strada per il Risveglio, il tuo Karma è il tuo Dharma. La strada misura il tempo in cui finalmente questa verità verrà totalmente riconosciuta e stabilizzata nella tua vita. Rilassati! Questo è il “viaggio premio”, giorno dopo giorno….
Chi sei, in Sé, è assoluta immobilità e tranquillità. La tua vita è un dono in più alla tua perfezione.
La vita non ha bisogno di conoscere la strada “giusta” da seguire perché sta andando lì in ogni caso” 
(Adyashanti).
****
Il salto di consapevolezza del "Riconoscimento" è entrare in risonanza con la Verità e riconoscersi “in” essa, “come” essa in questa mia forma. La Verità così si trasmette di mente in mente, di cuore in cuore. Difficile in questo stadio di evoluzione che bastino delle parole scritte - solo quelle "vive" fanno il miracolo perchè vissute nel silenzio, che è il vero medium di Verità e guardandosi negli occhi per ridurre la confusione e la paura della tua mente.
L’onda è come l’oceano stesso che si conosce e sperimenta. Il Risveglio è proprio il riconoscersi della tua anima come il Nulla nell’aspetto di Tutto. Osserverai un rilassamento progressivo prendere il posto dell’ansia e vuoto di prima. E l’onda finisce in pace la sua storia. L’oceano entra nella goccia. Questo è il fine della tua vita e il fine ultimo del tuo “morire prima della morte”.
“Dove va lo spazio della bottiglia quando essa si rompe?” (detto Zen)

http://laclassedelrisveglio.blogspot.com/ 





post scorrevoli